Definizioni

Trattamento dei dati personali:

Il trattamento dei dati personali è qualunque operazione o complesso di operazioni svolte con o senza l'ausilio di strumenti elettronici, riferite a:

-    raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, consultazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo interconnessione, blocco comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione di dati, anche se non registrati in una banca dati.

Dati Personali:

Qualsiasi informazione relativa ad un soggetto, identificato o identificabile, anche indirettamente, mediante riferimento a varie informazioni (ad esempio; anagrafici, economici, immagini, suoni, impronte, iride, ecc.).

Dati Anonimi:

Qualsiasi dato non riconducibile al soggetto cui si riferisce; è difficile che siano presenti dati anonimi in un’azienda/studio che li deve “trattare direttamente”; è possibile richiedere dei dati a un’azienda per un certo scopo mantenendone una forma anonima.

Dati Sensibili:

Dati idonei a rilevare lo stato di salute, le opinioni politiche, filosofiche, sindacali, il credo religioso, l’origine etnica e razziale, la vita sessuale. Non sono definiti sensibili i dati finanziari riconducibili alle persone fisiche o inerenti alla retribuzione dei dipendenti.

Dati Giudiziari:

Dati relativi a procedimenti penali e provvedimenti previsti dall’art. 686, comma 1, lett. a) e d), comma 2 e 3, il trattamento è ammesso solo se autorizzato da legge o da provvedimento del Garante, che ne specifichi le finalità, i tipi di dati e le operazioni autorizzate; dati relativi a “recupero crediti” non vengono considerati sensibili, dati riferiti a “affidamento minore” vengono considerati sensibili.

Banca Dati:

E’ un contenitore di “dati personali”, raccolti e conservati in unità di supporto, presenti anche in più luoghi, strutturata in modalità organizzata al fine di facilitarne l’utilizzo.

indietro